Dopo la scarcerazione il boss continuava a delinquere: arrestato

Contestualmente all'arresto sono stati sequestri a 6 affiliati del clan Papale beni per un milione di euro

I carabinieri di Torre del Greco hanno arrestato Luigi Papale ritenuto a capo dell'omonimo clan e destinatario di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli per violazione degli obblighi della sorveglianza speciale commesse con l’aggravante del metodo mafioso.

I militari hanno accertato che il boss sebbene sottoposto alla citata misura di prevenzione della sorveglianza speciale dopo la sua scarcerazione, da settembre a gennaio aveva continuato a intrattenere rapporti con soggetti pregiudicati al fine di consolidare alleanze con clan camorristici operanti in altre zone della campania. Contestualmente all'arresto sono stati sequestrati beni per un valore stimato circa un milione di euro riconducibili a 6 esponenti del clan indagati per associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dalle finalità mafiose.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni europee, passo indietro di de Magistris: "Nostra lista? Difficile"

  • Cronaca

    Luca Abete, violento meme su di lui: "Sul web i vigliacchi si sentono eroi di Gomorra"

  • Cronaca

    Tragedia Solfatara: la verità dalla perizia davanti al Gip

  • Cronaca

    "Mio figlio di 9 anni agganciato da un pedofilo": la storia del neomelodico Torri

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni (giorno per giorno) dal 18 al 22 febbraio

  • La camorra a Napoli e provincia: tutti i clan. “Comandano i giovani”

  • Claudio Volpe morto a Poggioreale, il sit-in all'esterno del carcere

  • Maxi incendio a Casoria, colonna di fumo visibile anche a Napoli

  • Serena Rossi si commuove a Domenica In: proposta di matrimonio in diretta tv

  • Reflusso gastroesofageo, cosa mangiare e cosa evitare: i consigli

Torna su
NapoliToday è in caricamento