Cameriere straniero preso a schiaffi in una pizzeria ai Tribunali, la denuncia

La vicenda, riportata su TripAdvisor in una recensione e avvenuta a Pasquetta, è stata ripresa da La Radiazza. La spiegazione del titolare

Preso a schiaffi da altri membri del personale di una pizzeria di via Tribunali. È quanto sarebbe accaduto, il giorno di Pasquetta, ad un cameriere dell'Est Europa secondo una recensione sul noto portale TripAdvisor, vicenda che sta facendo particolarmente discutere in queste ore.

Sul fatto sono intervenuti alla Radiazza di Radio Marte il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli.

“Il cameriere, deputato a prendere le comande – spiegano i due – sarebbe arrivato ai tavoli quasi in lacrime e con i segni dello schiaffo in pieno viso. Stando al racconto di alcuni avventori la scena avrebbe provocato l’indignazione dei presenti con alcune persone che avrebbero abbandonato la pizzeria".

Una ragazza, testimone dell'accaduto, è intervenuta telefonicamente in radio spiegando che il proprietario si sarebbe presentato in sala per giustificarsi, affermando che il ragazzo, non riportando correttamente le comande, avrebbe potuto omettere intolleranze e allergie. Anche questi è intervenuto in trasmissione, spiegando che il cameriere è stato colpito da un altro lavoratore, questi poi allontanato.

"Situazioni del genere non dovrebbero mai verificarsi. Nessuno ha il diritto di usare violenza contro il prossimo, a maggior ragione sui luoghi di lavoro", è stata la chiosa di Borrelli e Simioli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento