Orrore a Casandrino: un altro cadavere carbonizzato in un'auto in fiamme

L'incendio della vettura in via Lavinaio. Secondo le prime notizie, la macchina sarebbe intestata a un pregiudicato. Il quinto caso da metà febbraio: la strage continua

Ancora un cadavere e ancora un'auto carbonizzata. A Casandrino, in via Lavinaio, è stato segnalato l'incendio di una vettura. Secondo le prime notizie, la macchina sarebbe intestata a un pregiudicato.

Si tratta del quinto caso, da metà febbraio, di un'auto data alle fiamme con all'interno il corpo di una persona. L'ultimo era stato ritrovato nel bagagliaio di una vettura a Grumo Nevano. Sul posto i carabinieri della compagnia di Casoria e del nucleo investigativo di Castello di Cisterna.

GLI AGGIORNAMENTI - La vittima potrebbe essere il fratello di un pregiudicato residente nel rione Salicelle di Afragola. Bisognerà attendere comunque l'esito dell'esame del dna. La pista investigativa privilegiata è quella del riassetto di equilibri tra clan dell'area Nord, dai Moccia ai Cennamo, del controllo delle piazze di spaccio, dopo la pressione delle forze dell'ordine su quelle di Scampia e Secondigliano.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Sanità in Campania, dossier dei Verdi sulle coperture dei vuoti d'organico

    • Politica

      Primo Maggio, concerto a Piazza Dante: l'iniziativa promossa da de Magistris

    • Green

      Raccolta differenziata, bene la Campania

    • Notizie SSC Napoli

      L'amarezza di Hamsik: "Dispiaciuto per il mio errore"

    I più letti della settimana

    • Tangenziale di Napoli, appalti truccati: 5 misure cautelari

    • Rubavano le auto parcheggiate nel centro commerciale: arrestati

    • Il dramma di Rosa: muore improvvisamente a 15 anni

    • Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

    • "Ci sono tanti problemi, iniziamo a coprire le buche a Napoli"

    • Chi diffamerà Napoli sarà querelato. Giletti: "Iniziativa triste"

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento