Strage del viadotto Acqualonga, il pm chiede 27 anni di carcere

Sono le richieste per i primi tre dei sedici imputati per la morte di 40 persone avvenuta il 28 luglio del 2016, quando un bus di pellegrini precipitò in una scarpata dall'A16

Il bus precipitato dal viadotto

Sono arrivate con l'udienza di oggi le prime richieste di condanna nel processo per la morte di 40 persone nella strage di Monteforte Irpino del 28 luglio del 2013, quando un bus di pellegrini precipitò dal viadotto Acqualonga dell'A16.

A formularle, il pm Cecilia Annecchini. Sono stati chiesti 12 anni di reclusione per Gennaro Lametta, il titolare della "Mondo Travel" e proprietario del bus (nonché fratello del conducente morto nell'incidente); 9 anni per Antonietta Ceriola, dipendente della Motorizzazione Civile di Napoli; 6 anni per Vittorio Saulino, altro dipendente della Motorizzazione.

Tutta la vicenda della strage del viadotto Acqualonga

La tesi della Procura è che Lametta fosse responsabile delle condizioni del bus e di non averlo sottoposto a revisione: l'accusa è di concorso in omicidio, lesioni e disastro colposo. Per i due funzionari della Motorizzazione Civile l'accusa è di non aver assolto alle loro funzioni di controllo e quindi impedito la circolazione del pullman. Si proseguirà il prossimo 10 ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli imputati sono in tutto 16. Intanto non è escluso che la Procura di Avellino possa aprire un'indagine nazionale sulla sicurezza delle barriere protettive lungo la rete autostradale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento