Scoperto a incendiare rifiuti: 23enne clandestino in manette

Un giovane, originario del Mali, è stato trovato a bruciare pneumatici, complementi d'arredo e altri rifiuti a Melito

Lo hanno trovato a bruciare di tutto. Da pezzi di plastica a oggetti d'arredo passando per scaldabagni e pneumatici. Protagonista un 23enne originario del Mali arrestato dai carabinieri a Melito. I militari l'hanno sorpreso mentre stava buttando dei vestiti vecchi su un mucchio di rifiuti già dato alle fiamme.

L'arresto 

I carabinieri l'hanno bloccato immediatamente e controllato. Così hanno scoperto che si trattava di un migrante irregolare sul territorio nazionale e già noto alle forze dell'ordine per reato contro la persona e il patrimonio. L'incendio è stato appiccato in un'area privata abbandonata. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco per spegnere l'incendio. Il giovane è stato portato in carcere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Raffica di overdose in pochi minuti: paura al Loreto Mare

Torna su
NapoliToday è in caricamento