Un laboratorio artigianale di"botti illegali di fine anno": maxi sequestro

I finanzieri del gruppo di Torre Annunziata, durante un posto di controllo a Nola, hanno fermato un'auto nel cui portabagagli hanno rinvenuto più di mille botti artigianali del tipo "rendini-tronetti"

Botti

I finanzieri del gruppo di Torre Annunziata, durante un posto di controllo a Nola, hanno fermato un'auto nel cui portabagagli hanno rinvenuto più di mille botti artigianali, del tipo "rendini-tronetti", polvere da sparo e micce per la costruzione dei botti.

La successiva perquisizione domiciliare presso l'abitazione del conducente dell'auto, a Marano, ha consentito di accertare che all'interno dell'abitazione era stato allestito un piccolo laboratorio artigianale per la fabbricazione dei "botti di fine anno", il tutto senza alcuna autorizzazione e privo di qualsiasi forma di certificazione e controllo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sequestrati più di mille botti, 3.250 micce contenenti polvere pirica, 123 spolette di collegamento di carta e plastica contenenti polvere nera "ritardante", 1200 tubetti "passafuochi" di carta, 40 metri lineari di miccia "passafuoco", una sfera pirotecnica calibro 7.2 mm e 22 micce. Il responsabile è stato denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento