Botti: 800 chili di materiale esplosivo sequestrati dai Carabinieri

Perquisizione in un capannone di circa 300 metri quadrati: c'erano 3.100 cipolle, 2.600 rendini, materiale di assemblaggio e cilindri di plastica riempiti di polvere esplosiva ma non ancora assemblati

Ben 3.100 cipolle, 2.600 rendini e botti riempiti di polvere nera ma non ancora assemblati (in totale 800 chilogrammi di materiale esplosivo) sono stati trovati e sequestrati dai carabinieri a Melito.

Ad operare la scoperta, durante servizi organizzati per contrastare la fabbricazione e il commercio dei botti di fine anno, sono stati i carabinieri della tenenza di Melito, che hanno fatto irruzione in un capannone di circa 300 metri quadrati sulla Circumvallazione esterna.

La perquisizione ha portato al rinvenimento degli artifizi pirotecnici di produzione artigianale. C'erano 3.100 cipolle, 2.600 rendini, materiale di assemblaggio e cilindri di plastica riempiti di polvere esplosiva ma non ancora assemblati. Sul posto, per l'esatta classificazione e il trasporto fuori area in sicurezza, sono dovuti intervenire gli artificieri antisabotaggio del comando provinciale di Napoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il proprietario del capannone, un 81enne di Marano, è stato denunciato in stato di libertà per detenzione e per fabbricazione e commercio illegali di materiale esplosivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1103 casi in Campania: l'aggiornamento della Protezione civile

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Schianto su corso Campano, sbalzati dallo scooter: paura per due ragazzi

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

Torna su
NapoliToday è in caricamento