Bomba devasta pub, il titolare: "Non ci avete fatto niente. Non ci fermeremo"

Esplosione e fiamme sul corso Garibaldi a Torre del Greco. Il post del titolare del locale

Fiamme pub (Foto Esposito)

Esplosione sul corso Garibaldi a Torre del Greco. Danneggiato il "Red Hot Tower pub" dalle fiamme che hanno fatto seguito allo scoppio dell'ordigno. A denunciare l'accaduto Carlo Esposito, titolare del noto locale, che ha pubblicato la foto e un post sull'accaduto: "Nonostante tutto siamo ancora qui, non meglio di prima o come prima, siamo come sempre perché infondo. Non ci avete fatto niente. Nonostante l’atto in sè, nonostante i danni, nonostante ogni cosa noi restiamo in piedi, gli stessi che hanno iniziato un’avventura, gli stessi che stanno portando avanti un progetto più che solido e che dinanzi a nulla si fermeranno. Abbiamo sempre dato il massimo per chi ci ha sempre seguito, in modo tale da creare sempre un po' il bisogno di noi, ma allo stesso tempo anche noi abbiamo bisogno di Voi, tutti Voi, come sempre, ma da oggi ancora di più. Non ci avete fatto niente".

Solidarietà

Tanti i messi di solidarietà e incoraggiamento rivolti da cittadini comuni e autorità per il titolare del pub. Tra questi, quello del sindaco di Torre del Greco, Giovanni Palomba: "Dobbiamo essere tutti presenti e vicini all`imprenditore Carlo Esposito per questo atto di vigliaccheria al suo pub di Corso Garibaldi".

Confesercenti

Confesercenti Interprovinciale (Napoli, Avellino e Benevento)e Confesercenti di Torre del Greco, esprimono massima solidarietà per l’atto criminale, che ha colpito nella scorsa notte il noto pub “Red Hot Tower” di Torre del Greco. "Siamo vicini al titolare dell’attività – dichiara il presidente di Confesercenti Interprovinciale Vincenzo Schiavo - come lo siamo per tutte le imprese campane colpite da questi vili attacchi criminali. Attiveremo tutti i nostri servizi, “Sos Imprese” ed altri strumenti, per supportarlo e sono a disposizione anche i nostri canali preferenziali per poterci confrontare con Prefettura, Questura, Finanza e con ogni rappresentante delle istituzioni che può fare luce sull’accaduto. Lo Stato intervenga con forza per garantire sicurezza al nostro territorio. Ancora una volta la criminalità produce un atto intimidatorio, come rappresentante di molti imprenditori e di tanti associati torresi, esprimo sdegno e ferma condanna: basta con queste possibili tentativi estorsivi, stufi di attacchi che inquinano la sana economia del nostro territorio". Solidarietà anche da parte di Gianmarco Del Pratopresidente di Confesercenti di Torre del Greco: "Sentiamo il dovere di supportare il collega imprenditore Carlo Esposito colpito dall’atto vigliacco di questa notte. Gli inquirenti stanno ricostruendo l’accaduto, con le fiamme provocate da un presunto ordigno, ma noi siamo indignati per il vile atto. Siamo vicini al titolare, gli daremo qualsiasi supporto morale ed anche materiale per consentirgli di riprendere quanto prima l’attività commerciale. A differenza del passato siamo assolutamente uniti, insieme alle altre due associazioni del territorio (Ascom e Altro Centro Shopping), per dare un segnale forte e univoco di condanna a chi ha commesso questo atto criminale, manifestando insieme il nostro sostegno all’imprenditore".

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

  • "I love Ztl", pagina social per il "Lungomare Liberato" di Castellammare

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Ischia, sessantenne del Rione Sanità spende 50 euro falsi: denunciato

Torna su
NapoliToday è in caricamento