Bomba d'acqua, stabile evacuato: “Fondamenta intaccate da infiltrazioni”

L'edificio si trova a Cicciano. In corso verifiche della protezione civile, che in tutta la regione è al lavoro con dieci squadre, coadiuvate da genio civile e vigili del fuoco

Vigili del fuoco

La bomba d'acqua che lunedì si è abbattuta su Napoli e Campania ha ancora delle conseguenze: uno stabile è stato oggi evacuato a Cicciano. Sono in corso verifiche, in quanto c'è il sospetto che infiltrazioni d'acqua abbiano intaccato le fondamenta.

Sono dieci le squadre della protezione civile regionale già impegnate nell'area colpita. In particolare, stanno lavorando sei squadre di volontari regionali e quattro di tecnici del genio e della Protezione civile. Con loro i vigili del fuoco, in stretto contatto con la sala operativa e la direzione regionale della protezione civile.

“Le squadre - ha detto l'assessore regionale competente, Edoardo Cosenza - stanno operando anche con l'ausilio di quattro idrovore e quattro pompe di svuotamento per prestare soccorso alla popolazione. Numerosi gli scantinati e le abitazioni poste ai piani bassi dei palazzi che risultano allagati”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Primo Maggio, concerto a Piazza Dante: l'iniziativa promossa da de Magistris

    • Cronaca

      Rapina una donna in villa comunale: arrestato 24enne

    • Cronaca

      Circum e Cumana, giornata di sciopero: disagi per pendolari e turisti

    • Cronaca

      Stesa in centro a Torre Annunziata, spari contro una saracinesca

    I più letti della settimana

    • Tangenziale di Napoli, appalti truccati: 5 misure cautelari

    • Rubavano le auto parcheggiate nel centro commerciale: arrestati

    • Il dramma di Rosa: muore improvvisamente a 15 anni

    • Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

    • "Ci sono tanti problemi, iniziamo a coprire le buche a Napoli"

    • Chi diffamerà Napoli sarà querelato. Giletti: "Iniziativa triste"

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento