Whirlpool, l'iniziativa contro i licenziamenti: “Non venderemo più suoi prodotti”

La protesta si sta allargando a macchia d'olio a Ponticelli, proprio il quartiere delle 400 e più famiglie che rischiano di rimanere senza stipendio a causa della chiusura dello stabilimento

Speriamo che questa piccola rivolta si propaghi”. È partita in città un'iniziativa a sostegno dei lavoratori della Whirlpool di via Argine, il cui stabilimento a giorni verrà chiuso dalla multinazionale. Numerosi esercenti si stanno rifiutando di vendere elettrodomestici del noto marchio.

“Cirella arredamenti non vende più elettrodomestici Whirlpool”, riporta un manifesto esposto all'esterno del noto negozio di Ponticelli. Altri esercenti di via Argine si stanno interessando all'iniziativa per prenderne parte.

A proporre l'iniziativa anche Nazione Napolitana Indipendente i cui rappresentanti spiegano: “Whirlpool per la logica del profitto chiude via Argine. Ma noi siamo tanti, possiamo decidere cosa e dove comprarlo. Andremo in tutti i negozi amici e solidali, e Whirlpool da noi non avrà più un centesimo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio dai canali ufficiali della soap

  • Vento forte e temporali in arrivo sulla Campania: nuova allerta meteo

  • Venti forti e temporali su Napoli e provincia, prorogata l'allerta meteo

  • Emergenza strade: un'altra voragine si apre al Vomero

  • Allerta meteo e scuole chiuse: le ragioni e le possibili soluzioni

  • Cinzia Paglini è tornata a casa: lieto fine per l'artista napoletana

Torna su
NapoliToday è in caricamento