Blitz contro lavoro nero e parcheggiatori abusivi a Castellammare

Denunciato per minacce a pubblico ufficiale anche un 46enne ritenuto vicino al clan D'Alessandro. Ha protestato durante il controllo

Una vera e propria taskforce ha controllato alcune strade a rischio di Castellammare di Stabia. Poliziotti, carabinieri e guardia di finanza hanno passato al setaccio il rione Acqua della Madonna, in particolare via Acton e piazza Giovanni XXIII. Le forze dell'ordine hanno controllato quattro attività di ristorazione. In un bar di piazza Giovanni XXIII è stata denunciata la proprietaria 68enne perché impiegava due lavoratori “in nero”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre aveva occupato il suolo pubblico con i tavolini. Il controllo non è andato liscio visto che l'ex proprietario del bar, un 46enne ritenuto vicino al clan D'Alessandro, che ha cominciato a protestare e a minacciare i carabinieri. I controlli sono proseguiti poi con la denuncia del proprietario 40enne di un risto-bar dove lavoravano quattro persone in nero. Contravvenzioni sia per questi due bar che per altre due attività che avevano occupato il suolo pubblico senza autorizzazioni. Scoperti inoltre sei parcheggiatori abusivi che operavano nella zona. Sono stati tutti multati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Lutto in Prefettura, muore 65enne nel giorno del suo compleanno

Torna su
NapoliToday è in caricamento