Bambino ferito da colpi di pistola a Capodanno, c'è un arresto

Un 31enne è stato arrestato per tentato omicidio e ricettazione. E' indagato per il ferimento di un bambino di 12 anni, che fu colpito al ginocchio mentre era affacciato al balcone di casa

Questa mattina gli agenti della Polizia di Stato del commissariato San Giovanni a Teduccio hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, con provvedimento emesso dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, a carico di Luigi Gitano, 31enne napoletano, già detenuto nella Casa Circondariale di Poggioreale, per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, detenzione illegale di armi e munizionamento, spari in luogo pubblico, tentato omicidio e ricettazione, reati commessi in concorso con altri e pertanto aggravati dal vincolo associativo. Nella giornata del 31 dicembre del 2017, il minore C.S., 12enne, fu ferito, per fortuna in modo lieve, mentre era affacciato al balcone dell’abitazione di alcuni parenti, in via Sorrento, in attesa dei festeggiamenti di fine anno. 

LA ZIA DEL BAMBINO: "QUI SI SPARA OGNI GIORNO"

Sulla strada furono rinvenuti 25 bossoli e la risposta della polizia di Stato fu immediata. Gli agenti della volante decisero di effettuare perquisizioni nelle abitazione di coloro noti alle forze dell’ordine per la loro appartenenza o vicinanza a consorterie camorristiche della zona. La giusta intuizione investigativa li condusse nell’abitazione del Gitano, sorvegliato speciale di P.S. e lo trovarono sotto la doccia, circostanza che insospettì non poco gli agenti, vista l’ora prossima alla mezzanotte di fine anno. Durante la perquisizione trovarono, munizionamenti per armi da guerra e per armi comuni da sparo, compreso un silenziatore e, sul pavimento degli indumenti che aveva indossato fino a poco prima che furono sottoposti alla prova dello stube. Inoltre lo stesso aveva un impianto di videosorveglianza a circuito chiuso, collegato con un televisore nella sua camera da letto, che gli consentiva di visionare interamente l’esterno dell’abitazione. Infine, c’era una finestra aperta, con uno sgabello vicino sul quale erano evidenti le impronte di scarpe di qualcuno che si era allontanato prima che gli agenti entrassero. Questo fece maturare il convincimento che il Gitano potesse essere ricondotto al tragico evento del ferimento del minore. In quella circostanza fu arrestato e condotto presso la casa circondariale di Poggioreale, per violazione della sorveglianza speciale e per la detenzione di munizionamento da guerra. I poliziotti del Commissariato San Giovanni, coordinati dalla D.D.A, intensificarono fortemente le attività info investigative, supportate anche da accertamenti di natura tecnica svolte dalla polizia scientifica, tese alla individuazione degli elementi di colpevolezza nei confronti del Gitano in relazione al ferimento del bambino. L’indagine è culminata con l’emissione dell’ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere, emessa il 24 maggio 2018, dal GIP presso il Tribunale di Napoli, a carico di Gitano Luigi per i reati di associazione a delinquere di stampo camorristico, connessi al tentato omicidio aggravato dal concorso con altri ed alla
detenzione di munizionamento illegale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Brusco calo termico anche al Sud, arriva il freddo invernale

  • Controlli alla tiroide, cuore, polmoni, fertilità e ginecologici: dove farli gratis a Napoli

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

Torna su
NapoliToday è in caricamento