Porta danneggiata in ospedale, bimba cade e si ferisce: "Inaccettabile"

La denuncia è del consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli, che riporta le dichiarazioni della madre della piccola. Per lei, 6 anni, sono stati necessari 8 punti di sutura

Si sarebbe ferita in ospedale, a Pozzuoli, a causa di una porta "danneggiata e mai sistemata". È quanto il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli riporta sia accaduto ad una bambina di 6 anni.

"La piccola, come raccontato dalla madre, è inciampata mentre si stava recando nella sua stanza per prendere dei colori – scrive Borrelli – cadendo è sbattuta contro la porta fatta di truciolato, alla quale però mancava un pezzo. Il forte impatto le ha provocato un taglio molto profondo che ha richiesto ben otto punti di sutura".

"Non è accettabile che in una struttura ospedaliera dove tutto dovrebbe essere sempre impeccabile, igienizzato e sicuro accadano questi episodi – prosegue il consigliere a proposito del Santa Maria delle Grazie – Abbiamo deciso di chiedere immediatamente spiegazioni alla direzione sanitaria".

"La mia bambina è ancora ricoverata, ma appena usciremo dall’ospedale andremo subito a denunciare l’accaduto alle forze dell’ordine. Non è possibile entrare in una struttura sanitaria per una cosa, e uscirne con un danno del genere – sono le dichiarazioni della signora Federica Taurone, madre della piccola – Quello che preoccupa è anche il modo in cui hanno cercato di riparare il danno alla porta, comprendo il buco con delle garze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento