Orrore baby gang: 15enne picchiata e ferita con un paio di forbici

Venticinque giorni di prognosi per lei. A denunciare l'episodio avvenuto a Casoria a NapoliToday è sua nonna: "Aggressori presi e affidati ai genitori. Perché non si prendono provvedimenti più seri?"

Una "mostruosità". È così che una nostra lettrice definisce quanto è accaduto sabato scorso a sua nipote, brutalmente aggredita e ferita.

Quindici anni, la ragazzina è stata picchiata e colpita con un paio di forbici, che - secondo il racconto della nonna - le hanno causato ferite alla testa, al torace e ad un braccio. L'episodio è avvenuto a Casoria.

Per la ragazzina, condotta in ospedale, la prognosi è di 25 giorni.

"Abbiamo denunciato il gruppo di aggressori - spiega ancora a NapoliToday la nonna della vittima di bullismo - sono stati presi e poi affidati ai genitori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un provvedimento troppo blando però, per l'autrice della denuncia. "Dico e mi domando - prosegue - ma perché non si prendono seri provvedimenti? Noi siamo ancora sotto shock, mia nipote si chiede ancora perché". "Chiedo che si faccia luce su tutto questo".

Ferimento Arturo, arrestato un 15enne

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento