Autolavaggio “fai da te” nel cortile dell'abitazione: denunciato

Un 37enne di Grumo Nevano aveva organizzato un lavaggio dove accoglieva i clienti senza alcuna autorizzazione

Un 37enne di Grumo Nevano aveva organizzato nel cortile dell’abitazione una attività di autolavaggio di veicoli “artigianale”. Senza alcuna autorizzazione lavava le auto e forniva un servizio completo ai clienti. Aveva anche due dipendenti. Proprio loro sono stati sorpresi all’opera dagli agenti del commissariato di Frattamaggiore che hanno operato nell’ambito di controlli in merito ai reati ambientali. In quello stabile in via Antonio Franzese a Grumo Nevano erano organizzati alla perfezione: un ponte di sollevamento per autovetture presente all`interno, un bidone aspirapolvere ed un grosso compressore per completare il servizio di autolavaggio.

Quello di cui erano sforniti, invece, era l’autorizzazione, circostanza questa che ha avuto anche implicazione ambientali. Svolgendo attività in nero, non osservavano neanche le più elementari norme di sicurezza ambientale e dell’igiene: i liquidi inquinanti venivano sversati direttamente nella fogna comunale senza subire nessun tipo di trattamento di depurazione, nonché sul suolo, risultato privo di impermeabilizzazione. Il responsabile è stato denunciato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Napoletana denunciata a Varese: documenti falsi per un finanziamento

  • Incidente sull'Asse Perimetrale, muore un giovane in scooter

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Un Posto al Sole non andrà in onda venerdì 13: le ragioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento