"Mio figlio di 9 anni agganciato da un pedofilo": la storia del neomelodico Torri

Il noto cantante neomelodico ("Tu si' diversa") ha scoperto che al figlio arrivavano messaggi su Instagram con richieste di foto di nudo. Torri ha ottenuto il numero di telefono del presunto pedofilo e ha denunciato

(Augusto Torri)

E' inquietante la storia che il noto cantante neomelodico Augusto Torri racconta a NapoliToday. Torri, che si definisce "figlio di Napoli", famoso soprattutto per il brano "Tu si' diversa", era con il figlio più piccolo, 9 anni, quando si è reso conto che sul telefono del bambino arrivavano strani messaggi. Nella casella di posta privata dell'account Instagram del piccolo, infatti, un 'follower' faceva apprezzamenti molto espliciti e chiedeva foto di nudo del bambino. "A quel punto ho finto di essere mio figlio", racconta Torri. "Ho chiesto all'uomo il suo numero di telefono promettendogli in cambio la foto di nudo che voleva. Lui me l'ha dato e l'ho chiamato, camuffando la voce e facendogli credere di essere un bimbo. Poi non ci ho visto più, volevo mangiarlo al telefono, ho sentito solo che lui ha interrotto la chiamata". Torri ha denunciato l'uomo alle autorità competenti. 

Per il cantante neomelodico questo episodio vuole essere "un invito a tutti i genitori: controllate i telefoni dei vostri figli, specialmente quando sono così piccoli". Il figlio di Torri, 9 anni, ha molti 'followers': "Oggi mi è successo questo, per fortuna me ne sono reso conto e posso andare a denunciare", aggiunge il cantante neomelodico. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento