Attore 'Paranza dei bambini' accoltellato, lo sceneggiatore: "A Chiaia residenti e esercenti cosa fanno?"

Maurizio Braucci parla dell'aggressione ad Artem Tkachuk come del frutto di frustrazione ed emarginazione dei ragazzi

"Il motore di tutto è la frustrazione dei ragazzi. Per uno che riesce, ce ne sono migliaia che restato emarginati". Così Maurizio Braucci, sceneggiatore con Roberto Saviano del film "La paranza dei bambini", spiega – raggiunto dal Corriere del Mezzogiorno – l'aggressione avvenuta domenica notte nella zona dei baretti di Chiaia ad Artem Tkachuk, 18enne attore del film.
Il ragazzo accoltellato, di origine ucraina ma residente ad Afragola, adesso sta bene. È però fresco lo choc per quanto accaduto senza alcuna ragione.

Artem, spiega Braucci, "è un ragazzo molto coriaceo, anche se ovviamente era spaventato. È uno sportivo, un pugile. Ha frequentato una scuola pugilistica anche a Londra. È un italiano di seconda generazione e questo, soprattutto nell’Italia contemporanea, lo fa partire sempre un passo indietro rispetto agli altri".

Parla la vittima: "Amo Napoli, ma c'è troppa ignoranza tra i ragazzi"

"Tutte le tensioni tra giovani – spiega lo sceneggiatore – confluiscono ai baretti di Chiaia, e di notte esplodono. E mentre nelle discoteche c’è un ordine spaziale più o meno autoimposto tra i gruppetti, lì a Chiaia si ritrovano in un territorio aperto e tutte le contraddizioni giovanili emergono facilmente". "Il motore di tutto è la frustrazione dei ragazzi – è l'idea che si è fatto Braucci – Per uno che riesce, ce ne sono migliaia che restato emarginati. Napoli è una città che ha alle spalle ere di occasioni mancate o di totale assenza di occasioni per i giovani". "Il panorama di riferimento – spiega – è disastrato. Disoccupazione, dispersione scolastica e, soprattutto, l’uso e abuso di l’alcol sono elementi devastanti".

Lo sceneggiatore conclude criticando anche i residenti e gli esercenti locali. "A Napoli c’è tanta gente che si attiva, basta avere un po’ di iniziativa. A Chiaia, invece, gli abitanti si limitano a lamentarsi del disagio e del disturbo che la movida arreca loro e i commercianti se la prendono con le istituzioni che non fanno abbastanza. E loro, cosa fanno?".

Il fatto: accoltellato attore de "La paranza dei bambini"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Chiusura Kestè, Fabrizio Caliendo: "La mia vita ha più valore dei soldi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento