"Furbetti del cartellino" in ospedale, 28 indagati e 18 misure cautelari

Avrebbero fatto timbrare l'ingresso in ospedale anche da parenti, oltre che da colleghi compiacenti

Diciotto persone, tra cui una residente a Napoli, sono state stamattina raggiunte da un'ordinanza di custodia cautelare eseguita dai carabinieri della Compagnia di Capua, emessa dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale Procura. Gli indagati sono in totale 28.

L'ipotesi di reato è associazione per delinquere finalizzata alla truffa, questo ai danni dell’Asl di Caserta e dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Napoli Federico II. Contestate anche diverse ipotesi di truffa aggravata ai danni dello Stato, realizzate – secondo gli inquirenti – attraverso false attestazioni della presenza dei sanitari in servizio, alterando i sistemi di rilevamento della presenza al lavoro.

Sequestri e misure cautelari

Il danno complessivo che sarebbe stato provocato dagli indagati all'Erario è stimato in 21.406,49 euro. La stessa cifra è stata sottoposta a sequestro preventivo sui conti correnti degli indagati.

La misura cautelare applicata agli indagati è l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria del luogo di svolgimento del lavoro, prima e subito dopo l'ingresso alla sede lavorativa.

Le indagini

L'indagine è partita nel febbraio 2017 ed è stata conclusa nel mese di giugno dello stesso anno. Gli inquirenti si sono serviti di pedinamenti, intercettazioni telefoniche, analisi di tabulati di traffico telefonico e rilevamento posizioni, video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I "furbetti del cartellino" in azione

In alcuni casi i "furbetti del cartellino" avrebbero timbrato personalmente l'ingresso in ospedale per allontanarsene arbitrariamente, in altri con il concorso di colleghi, in altri ancora demandando "l'incarico" a parenti. Secondo gli inquirenti sei dirigenti medici, in particolare, si sarebbero sistematicamente "coperti" a vicenda. Gli allontanamenti dal luogo di lavoro avvenivano anche per l'intera durata del turno di servizio, anche di notte.

La notizia su CasertaNews.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

Torna su
NapoliToday è in caricamento