Asse Mediano, al via i lavori tra Melito e Scampia

La Città Metropolitana ha affidato i lavori per circa 750mila euro. Si tratta dell'intersezione tra l'asse mediano e la strada provinciale S.P. 500, al momento chiusa. Il consigliere Cacciapuoti: "Il traffico ne beneficerà". Apertura a febbraio 2018

Questa mattina nella sede della Città Metropolitana di Napoli è stato firmato il contratto di affidamento dei lavori di adeguamento del ramo dell'intersezione tra l'Asse Mediano e la S.P. 500 (Asse Melito-Scampia, attualmente chiuso in direzione Scampia). I lavori, il cui costo complessivo è di 748.500 euro, prevedono il completamento, nonché l’adeguamento normativo e funzionale, del ramo. 
"L’obiettivo è quello di semplificare i flussi di traffico provenienti da Acerra con direzione Napoli completando un'infrastruttura già esistente ma mai completata", dichiara Raffaele Cacciapuoti, consigliere delegato alle Strade e Viabilità dell'ente ex-Provincia di Napoli. "Infatti ancora oggi questa parte dell'intersezione risulta chiusa ed in uno stato di totale abbandono oramai divenuto intollerabile", prosegue Cacciapuoti. "Con il suo completamento e l'apertura ci saranno notevoli miglioramenti per lo scorrimento del traffico veicolare e anche per la qualità dell'aria", conclude il consigliere. Lavori al via da domani, completamento dell'opera, apertura prevista per febbraio 2018. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento