Accoltellamento Arturo, i tre minorenni imputati chiedono il rito abbreviato

Il processo comincerà il 4 luglio. Sono stati individuati i 4 aggressori, ma uno di loro ha 12 anni e non è imputabile. Colpirono il 17enne al collo e al torace, lasciandolo tra la vita e la morte

('O Nano, foto da facebook)

Hanno tutti scelto il rito abbreviato i tre aggressori di Arturo Puoti, il 17enne ferito da circa 15 coltellate lo scorso 18 dicembre , in via Foria. Im realtà gli aggressori individuati dalla Questura sono quattro, ma uno è minore di 14 anni e non è imputabile. Il primo a essere arrestato, il 24 dicembre 2017, fu ''o Nano' (in foto) individuato per la sua inconfondibile statura immortalata dalle telecamere di videosorveglianza. I tre imputati accerchiarono Arturo, lo picchiarono e poi lo colpirono al torace e alla gola, più volte, fino a lasciarlo in una pozza di sangue. Il 4 luglio comincerà il loro processo.

Decisiva per le indagini l'acquisizione delle immagini di videosorveglianza della zona via Foria-via Piazzi-via Cesare Rosaroll. Le ricerche dei poliziotti sono state spesso frenate da un muro d'omertà, denunciato più volte anche dalla mamma di Arturo, Maria Luisa Iavarone. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento