Racket per il clan D'Ausilio: in manette un 47enne

Condannato a cinque anni e tre mesi per estorsione aggravata dal metodo mafioso per aver taglieggiato dei bar di Napoli

Deve scontare cinque anni di carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Per questo motivo è finito in manette Romualdo Diomede, 47enne di Qualiano già noto alle forze dell'ordine. Secondo gli investigatori è vicino al clan D'Ausilio operante in zona e avrebbe estorto denaro ad alcune attività commerciali a Napoli.

I fatti che gli vengono contestati e per i quali è stato condannato a cinque anni e tre mesi di carcere dal tribunale di Napoli, vanno dal novembre 2016 al marzo 2017. I giudici lo ritengono responsabile di estorsioni a esercizi commerciali e bar partenopee. I carabinieri della stazione di Qualiano hanno così eseguito l'ordine di carcerazione e l'hanno portato nel carcere di Secondigliano.

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • Ogni quanto bisogna lavare le lenzuola e perché

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

I più letti della settimana

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Il noto attore di Un Posto al Sole schiaffeggiato alla fermata del bus: il racconto

  • Grave incidente sulla Tangenziale di Napoli, morto uno dei due feriti

  • Scuse di D'Alessio e D'Angelo: la parodia di Palma e Cicchella è virale

  • Bambino investito da un'auto: è grave

  • Professore morto suicida, la lettera di una sua ex alunna

Torna su
NapoliToday è in caricamento