Condannato orco a 11 anni: la moglie costretta ad assecondarlo per evitare le botte

L'uomo, un 33enne di Torre Annunziata, picchiava continuamente la moglie anche in presenza dei tre bambini. Pur di evitare la violenza fisica la donna era costretta ad accettare le richieste sessuali

Un 33enne di Torre Annunziata è stato condannato a 11 anni e 6 mesi di carcere dal tribunale di Torre Annunziata per i reati di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale. La condanna arriva a due mesi dall'arresto: ad agosto fu arrestato in casa propria. Qui, secondo la ricostruzione dei giudici, avrebbe picchiato la moglie: schiaffi, pugni e calci che si sarebbero ripetuti nel tempo, fin dai primi mesi di matrimonio e anche in presenza dei tre bambini della coppia.

Anche per questi motivi il giudici non hanno riconosciuto alcuno sconto di pena, che è anzi aumentata per le aggravanti. La donna avrebbe dovuto subire rapporti sessuali per evitare la violenza fisica del marito. Più volte avrebbe deciso di assecondare la volontà dell'uomo proprio per non essere picchiata. 

L'uomo si trovava in carcere dal momento dell'arresto, da agosto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento