Latitante del clan Rinaldi arrestato: faceva la spesa con la moglie

Ciro Grassia, 55enne di Ponticelli, era ricercato da dicembre, perché accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. L'uomo si nascondeva ad Acerra, dove la moglie lo ha raggiunto per fare provviste

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

I carabinieri della sezione catturandi di napoli hanno localizzato e catturato Ciro Grassia, un 55enne di Ponticelli già noto alle forze dell'ordine e ritenuto essere un esponente dei Rinaldi, il clan camorristico attivo sull’area orientale di Napoli, dove è in atto uno scontro con il clan rivale dei Mazzarella. L'uomo, ricercato dal dicembre 2018 poiché destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale di Napoli, dovrà espiare 5 anni di reclusione per estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Gli operanti lo hanno individuato seguendo gli spostamenti della moglie che, partita da Napoli su una vettura presa a noleggio lo aveva raggiunto ad Acerra. I due si sono incontrati nei pressi di un supermercato e vi sono entrati a fare provviste che verosimilmente il ricercato avrebbe portato nel rifugio.

I militari da quel momento ne hanno monitorato a distanza i movimenti aspettando il momento utile a intervenire in sicurezza e non far correre rischi ai numerosi clienti che affollavano l’attività. Il momento propizio si è presentato poco dopo: la coppia è uscita dal supermercato ed è entrata in un vicino negozio di ottica a comprare occhiali da lettura. all’uscita, con nessuna persona estranea nelle vicinanze, Ciro Grassia e la moglie sono stati bloccati.

L'arrestato è stato tradotto in carcere.

Potrebbe Interessarti

  • Loredana Simioli "canta" Scapricciatiello ai suoi funerali: l'omaggio del fratello Gianni | VIDEO

  • Tromba d'aria in spiaggia, panico tra i bagnanti: ci sono feriti|VIDEO

  • Temporale estivo su Napoli |VIDEO

  • Funerali Loredana Simioli: il ricordo di Cristina Donadio, Sal Da Vinci e Rosalia Porcaro | VIDEO

Torna su
NapoliToday è in caricamento