Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Arrestato il presunto piromane dei cassonetti | VIDEO

 

Un uomo, classe '78, è stato messo in manette dalla polizia e condotto in carcere. L'accusa è di aver dato alle fiamme delle campane per la raccolta dei rifiuti differenziati, con l'aggravante "di avere profittato - scrive la Questura - di circostanze di tempo tali da ostacolare la pubblica o privata difesa".

Le indagini che hanno condotto a lui sono scaturite in seguito al recente fenomeno dei roghi di cassonetti, particolarmente intensificatosi nel corso degli ultimi mesi soprattutto nel centro storico cittadino.

Asìa: "Danni per 200mila euro nel 2019"

Nella sola notte del 12 giugno scorso furono date alle fiamme 22 campane della raccolta differenziata, ed in diversi tra questi casi il fuoco coinvolse anche moto e auto parcheggiati nelle loro vicinanze. In particolare, durante la notte del 27 settembre scorso in via Santa Maria La Nova le fiamme appiccate ai rifiuti si estesero anche a due autovetture distruggendole, e raggiunsero anche il secondo piano di uno stabile provocando danni ad abitazioni private ed agli esercizi commerciali del posto.

Le indagini sono andate avanti con appostamenti notturni, e visione di filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza. All'arrestato sono stati sequestrati anche capi di abbigliamento per compararli a quelli indossati dall'uomo presente nelle immagini rirpese. Anche il suo scooter è stato tracciato attraverso il sistema di lettura targhe.

Secondo gli inquirenti, l'uomo è la persona protagonista di numerosi tra i gravi episodi incendiari susseguitisi nel corso degli ultimi mesi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento