Violenza sessuale di gruppo: quattro ordinanze cautelari a Ischia

Il provvedimento è stato emesso dal GIP presso il Tribunale per i Minorenni, su richiesta della Procura per i Minorenni di Napoli, dopo un'articolata attività investigativa condotta dai Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Ischia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a carico di quattro giovani di nazionalità dominicana residenti sull’isola. Il provvedimento è stato emesso dal GIP presso il Tribunale per i Minorenni su richiesta della Procura per i Minorenni di Napoli dopo un'articolata attività investigativa condotta dalla Stazione Carabinieri di Ischia.

I quattro giovani sono ritenuti responsabili di violenza sessuale e violenza sessuale di gruppo consumata nei confronti di altri due giovani.

Le indagini sono iniziate con la denuncia delle vittime sporta alla citata stazione dei Carabinieri e sono state eseguite con intercettazioni ambientali e con una serie di acquisizioni di testimonianze.

Gli elementi raccolti hanno permesso di ricostruire quattro episodi di violenza consumati quando gli indagati e le vittime erano minorenni.

Due degli indagati sono stati colpiti dal provvedimento del collocamento in comunità, uno da quello della permanenza in casa e uno da quello delle prescrizioni.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Fuorigrotta, tragico incidente stradale: muore una 15enne

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 15 al 19 luglio 2019

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Orrore San Gennaro Vesuviano, la ricostruzione dalla tragedia

Torna su
NapoliToday è in caricamento