Aiutarono il latitante Iovine: in carcere finisce un'intera famiglia

Si incontravano periodicamente con la storica primula rossa del clan dei Casalesi, lo ospitavano nelle proprie abitazioni e provvedevano alle sue esigenze. In carcere marito, moglie e nipote

Carabinieri

Una intera famiglia in carcere. L'accusa: aver favorito la latitanza del superboss dei casalesi Antonio Iovine, storica primula rossa del clan arrestato il 17 novembre del 2010.

Si tratta di Angelo Borrata, di Casal di Principe, 45 anni, di sua moglie Angelina Manfredi, 43 anni, della figlia Maria Borrata, 24enne, e della nipote Benedetta Borrata, 23 anni. Secondo gli elementi raccolti dalla Dda di Napoli, i Borrata si incontravano periodicamente con Iovine, lo ospitavano nelle proprie abitazioni, provvedevano alle sue esigenze, consentendogli così di continuare a esercitare la sua influenza criminale. Iovine, latitante dal 1995, fu arrestato proprio nell'abitazione di uno dei Borrata, Marco, padre di Benedetta, per il quale si era proceduto subito all'arresto. L'uomo è stato già condannato a quattro anni e otto mesi di carcere.

Le ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico dei suoi familiari sono state eseguite dalla squadra mobile di Napoli in collaborazione con quella di Caserta. (Ansa)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento