Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scovato l'arsenale del clan Mazzarella | VIDEO

 

Mitra, pistole semiautomatiche, revolver. Un vero e proprio arsenale quello scovato dai carabinieri di Castello di Cisterna in un appartamento di Somma Vesuviana, ritenuto base logistica del clan Mazzarella. Il sequestro è solo una parte di una più vasta operazione, che ha portato all'emissione di nove ordinanze di custodia cautelare pr esponenti, oltre che dei Mazzarella, anche del clan Rinaldi. 

I due sodalizi criminali da anni lottano per l'egemonia nella periferia Est di Napoli e nel Vesuviano. Sei persone sono indagate per la pianificazione e la realizzazione dell'omicidio di Vincenzo De Bernardo, esponente di spicco dei Mazzarella, ucciso l'11 novembre 2015. Un episodio che scatenò la vendetta rivale, manifestatasi nel tentato omicidio di Antonio Amato, ritenuto erroneamente coinvolto nell'agguato a De Bernardo, che fu ferito una gamba. 

Nel corso dell’esecuzione degli arresti, i militari hanno rinvenuto e sequestrato una mitraglietta MP5, quattro semiautomatiche e un revolver trovati nell'appartamento di Somma Vesuviana, all’interno del quale sono stati sequestrati anche 880 grammi di cocaina, 710 di hashish e 10 di marijuana. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento