Stazione centrale, venditore di calzini aggredisce agente e prova a strappargli la pistola: arrestato

Si tratta di un 34enne cittadino cubano che è stato condannato per direttissima a 2 anni di reclusione e 600 euro di multa

Un uomo, cittadino cubano di 34 anni, è stato arrestato nei pressi della Stazione Centrale: prima sorpreso a vendere merce abusivamente, aveva aggredito un agente di polizia e tentato di impossessarsi della sua arma.

La vicenda è avvenuta nel pomeriggio di ieri, con la stazione particolarmente piena di viaggiatori essendo una domenica estativa. Una pattuglia della polfer aveva notato il venditore abusivo mentre si aggirava nello scalo ferroviario, importunando i viaggiatori in attesa con insistenza, invitando loro all’acquisto di calzini.

Il 34enne, invitato in ufficio per essere identificato, perché gli venisse sequestrata la merce e perché si procedesse ad un ordine di allontanamento, ha a quel punto reagito. Una vera e propria aggressione fisica in particolar modo ai danni di un agente, al quale ha tentato di sottrarre l’arma dalla fondina. Gli altri operatori lo hanno bloccato in tempo.

Ha risposto per direttissima di tentata rapina, violenza o minaccia a pubblico ufficiale e resistenza a pubblico ufficiale, venendo condannato a 2 anni di reclusione e 600 euro di multa.

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Morto durante il viaggio di nozze, la moglie: "Non inviate più soldi"

  • Dramma in vacanza a Mykonos, muore napoletano di 22 anni

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

Torna su
NapoliToday è in caricamento