Violento colpo in una sala scommesse: arrestato 31enne

L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato individuato attraverso la prova del dna e la visione dei filmati di videosorveglianza

La rapina

Fece irruzione in una sala scommesse di via Scaglione a Chiaiano e portò a termine una violenta rapina insieme ad un complice: un 31enne di via Vecchia Chiaiano – già noto alle forze dell'ordine – è stato messo in manette dai carabinieri della stazione di Marianella.

È stato individuato attraverso indagini, prova del dna e la visione dei video di sorveglianza. Prima alcuni “sopralluoghi” sul luogo designato per il colpo, poi la rapina. Era il 16 ottobre del 2016. Con il volto travisato da un passamontagna, bloccò i dipendenti dell'esercizio commerciale facendosi dare le chiavi e chiudendo la porta dall’interno. A quel punto minacce, offese ed uno schiaffo per esortare a fare in fretta nella consegna dei soldi.

I due rapinatori scapparono con 5mila euro di bottino. A tradire l'arrestato il fatto che gettò a terra il passamontagna, poi recuperato dalle forze dell'ordine e passato al vaglio della scientifica: l'uomo è stato trovato attraverso il dna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

Torna su
NapoliToday è in caricamento