Rapina un poliziotto del suo scooter, poi apre il fuoco: arrestato 18enne

Scene da far west a Fuorigrotta. Il giovane rapinatore, di Ponticelli, è stato identificato successivamente grazie ad alcune riprese delle telecamere di videosorveglianza

Avrebbe prima rapinato lo scooter ad un agente di polizia, poi una volta capito chi fosse la sua vittima avrebbe sparato e costretto il poliziotto a rispondere al fuoco: è la ragione per cui un 18enne di Ponticelli è stato fermato.

Dovrà rispondere di rapina aggravata, detenzione e porto illegale di armi in concorso. L'episodio è avvenuto la notte del 13 settembre scorso a piazzale Tecchio, a Fuorigrotta. L'agente libero dal servizio si era fermato ad un semaforo, quando si è visto affiancato da due scooter con in sella quattro persone. Due sono scesi e gli hanno – pistola in pugno – sottratto il mezzo.

Uno dei rapinatori si è accorto però che la vittima era un poliziotto, quindi ha sparato. Il poliziotto ha risposto al fuoco sparando in aria, ma non riuscendo ad impedire la fuga dei malviventi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attraverso una serie di immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti in zona la polizia ha rintracciato uno dei componenti della banda, un 18enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento