Tradito dalla sua passione per la pizza di scarole: latitante in manette

Condannato a 16 anni per truffa, il 34enne di Villaricca è stato trovato dai carabinieri nell'appartamento di sua madre a Parete

Era scappato in Colombia per non scontare i 16 anni di carcere cui era stato condannato per diverse truffe messe a segno nel Nord Italia. La sua latitanza è finita ieri, quando i carabinieri lo hanno messo in manette a casa di sua madre.

Trentaquattro anni, originario di Villaricca, il truffatore è stato tradito dalla sua passione per la pizza di scarole. Aveva lasciato la Colombia con un volo diretto a Barcellona, poi dalla Spagna raggiunto l'Italia (in nave o in auto) e si era stabilito a casa della madre a Parete.

Sono stati i parenti, involontariamente, a tradirlo. I familiari intercettati si mettevano d'accordo quasi ogni giorno su chi dovesse comprargli la pizza di scarole. L'informazione è giunta ai carabinieri di Milano – è stato il tribunale lombardo a condannarlo – che hanno eseguito l'arresto.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Rapina in auto dopo il concerto di Gigi D'Alessio: puntano la pistola contro una giovane coppia

    • Cronaca

      Commando armato assalta l'azienda di trasporti

    • Incidenti stradali

      Incidente stradale sull'Asse Mediano: muore 24enne

    • Meteo

      Ondata di calore su Napoli e sulla Campania: allerta della Protezione Civile

    I più letti della settimana

    • Sesso in pubblico, nuovo scandalo dopo quello di piazza San Domenico

    • Ciro a Mergellina, dal Comune stop a tavolini e ombrelloni

    • Ucciso e seppellito in un terreno, arrestate tre persone per l'omicidio di Vincenzo Amendola

    • Dramma in via Napoli: trovato il cadavere di una donna incinta all'ottavo mese

    • Rosa, quando il 28enne pakistano disse alla madre: "Un giorno mi prenderò tua figlia"

    • Sesso orale in Piazza San Domenico, fermata la protagonista del video

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento