Lei lo blocca su Facebook, lui dà fuoco all'auto per ritorsione: arrestato

L'episodio è avvenuto a Lettere. Il protagonista dovrà rispondere delle accuse di incendio doloso e atti persecutori

Immagine d'archivio

Dopo la fine della loro relazione lei l'aveva “bloccato” su Facebook, da lì la folle reazione di un uomo: ha appiccato il fuoco all'auto del cugino dell'ex ragazza, finendo per danneggiare altre tre vetture che sostavano lì accanto.

L'episodio è avvenuto a Lettere, ed il presunto colpevole è stato messo stamane agli arresti domiciliari. È accusato di incendio e atti persecutori.

Il rogo risale al 4 marzo scorso, ed il responsabile è stato identificato anche grazie alle immagini riprese dalle telecamere di sicurezza della zona. La ragazza l'ha poi denunciato il successivo 7 maggio per atti persecutori, permettendo ai carabinieri di ricostruire anche il movente dell'episodio di due mesi prima.

Il cugino di lei l'aveva accompagnata ad un evento pubblico, scatenando la fuoriosa gelosia dell'ex. A quel punto l'uomo l'ha più volte offesa e minacciata – impedendole anche di andare a lavorare – e ha preso a tempestarle di messaggi minatori l'account Facebook finché lei non lo ha bloccato. A quel punto, per ritorsione, il rogo doloso.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Tragedia a Mergellina, 22enne si lancia dal settimo piano: muore sul colpo

  • Bimbo ingerisce soda caustica: ricoverato in gravi condizioni al Santobono

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

Torna su
NapoliToday è in caricamento