Picchiava la moglie, arrestato il pallanuotista Franco Porzio

Il campione olimpionico è stato arrestato dopo aver picchiato a calci in faccia la moglie che aveva in braccio il figlio di due anni. Le violenze domestiche, stando ai racconti della donna, andavano avanti da anni

Medaglia d'oro olimipica, una coppa del mondo ma in casa un marito violento. E' stato arrestato, a Napoli, il pallanuotista Francesco Porzio, 44 anni. Per lui l'accusa di maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e lesioni personali gravi. Ieri l'ultimo episodio di violenza nei confronti della moglie presa a calci in pieno volto e con il suo bimbo di due anni in braccio: il piccolo, solo grazie ai fratelli che lo hanno prontamento preso, non è caduto a terra.

Non era la prima volta che Porzio picchiava la moglie, tutt'altro. Alla polizia, la donna ha infatti raccontato che da diversi anni, il marito le usava violenza, molto spesso anche per futili motivi. Talvolta diventava talmente aggressivo e violento picchiandola con calci e pugni anche in presenza dei figli minori. Nel passato, la donna ha tentato più volte di uscire dallo stato di soggezione psicologica e dalle continue vessazioni denunciando Porzio, una vita nella squadra del Posillipo. La paura, il timore della reazione dello stesso, la protezione verso i figli e talvolta la vergogna le hanno impedito di proseguire. Ieri quando ha capito che la situazione era irrimediabilmente precipitata, in quanto il marito aveva addirittura tranciato il cavo del telefono, si è barricata in camera e ha chiesto aiuto alla polizia. Per le lesioni subite, é stato necessario richiedere l'intervento del 118; per la donna una prognosi di 20 giorni per contusioni multiple.


LE REAZIONI  "Senza voler entrare nel merito degli sviluppi giudiziari che ci saranno, credo che l'amministrazione comunale di Napoli possa e debba assumere decisioni che assumino chiaramente la presa di distanza oggettiva da episodi gravissimi di violenza attraverso eventuali e conseguenziali provvedimenti che il caso richiede". Lo ha affermato il vicepresidente del gruppo Pdl al Consiglio comunale, Ciro Signoriello. "Mi risulta - spiega - che Francesco Porzio, in forza anche della sua valenza ed autorevolezza legate a meriti sportivi, ha gestito piscine di proprietà comunale. Se ancora ha in gestione tali strutture comunali, chiedo ufficialmente al sindaco Iervolino di revocarne immediatamente l'affidamento tenuto conto dei gravi fatti di violenza familiare di cui si è reso autore Francesco Porzio. Credo sia un atto dovuto per l'amministrazione comunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

  • SKY - Mertens-Napoli, Gattuso sponsor per il rinnovo del belga

Torna su
NapoliToday è in caricamento