Trovato a spacciare: si nasconde sotto il letto

Un 32enne è finito in manette in via Veseri a Massa di Somma. Aveva nascosto nel calzino un involucro di cellophane con 30 grammi di cocaina

Droga
Gli agenti del Commissariato di San Giorgio hanno arrestato un32enne di Massa di Somma, sopreso a spacciare cocaina. Dopo un'accurata indagine i poliziotti hanno scoperto che in via Veseri c'era una fiorente attività di spaccio gestita dall'uomo.
 
Sul posto, a catturare l'attenzione degli agenti è stato un continuo andirivieni di giovani che si incontravano con il 32enne dopo aver preso con lui un appuntamento telefonico. Le dosi richieste venivano prelevate dall'abitazione di un parente dell'uomo agli arresti domiciliari che utilizzava l'appartamento come base d'appoggio per prendere e portare sostanze stupefacenti.
 
I poliziotti, entrati nell'abitazione con l’ausilio di una volante del Commissariato, hanno trovato oltre all’uomo sottoposto ai domiciliari che ha creduto trattarsi di un normale controllo di routine, il 32enne nascosto sotto il letto matrimoniale. In un controllo, gli agenti hanno trovato nel calzino del 32enne, un involucro di cellophane contenente cocaina per un peso complessivo di circa trenta grammi.  La droga è ora sotto sequestro e l'uomo è stato portato nel carcere di Poggioreale.
 
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Notizie SSC Napoli

      Sassuolo-Napoli 2-2: gli azzurri sciupano una grande occasione

    • Cronaca

      Lite tra giovanissimi nella zona dei Baretti: un ferito ed un arresto

    • Cronaca

      Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

    • Incidenti stradali

      Portici, ragazzina investita da un'auto pirata

    I più letti della settimana

    • Tangenziale di Napoli, appalti truccati: 5 misure cautelari

    • Rubavano le auto parcheggiate nel centro commerciale: arrestati

    • Il dramma di Rosa: muore improvvisamente a 15 anni

    • Smantellato il clan Orlando: erano gli eredi di Polverino e Nuvoletta

    • "Ci sono tanti problemi, iniziamo a coprire le buche a Napoli"

    • Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento