Pistole cariche nella bara da esposizione: arrestato il titolare di un'agenzia funebre

Ad effettuare la scoperta, in seguito a perquisizione, sono stati gli agenti della squadra mobile di Acerra. Denunciato anche il co-titolare, un cugino dell'uomo finito in manette

Immagine d'archivio

Le pistole erano nascoste in una scatola per cialde di caffè a sua volta occultata all'interno di una bara da esposizione. Cinque armi, con caricatori, alcuni riforniti di proiettili: è quanto ha scoperto la squadra mobile di Acerra in un blitz effettuato presso il titolare di un'impresa di pompe funebri.

Gli agenti di polizia avevano prima perquisito il domicilio dell'uomo, un 49enne, poi si sono spostati alla sua azienda. Il titolare dell'impresa funebre non è riuscito a spiegare la provenienza della pistole, che sono state tutte sequestrate.

Il 49enne è stato arrestato e condotto in carcere a Poggioreale. Denunciato contestualmente anche suo cugino di 47 anni, anch'egli titolare dell'azienda: durante una perquisizione a casa sua è stato ritrovato un caricatore con all’interno tre cartucce.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Schianto in scooter, non ce la fa il noto imprenditore stabiese. "Eri l'amico di tutti"

  • Cronaca

    Ritrovata Alessia Ciccone, era in un appartamento a Nola

  • Cronaca

    Torre Annunziata, finanzieri nel centro medico: sequestro di macchinari

  • Cronaca

    Paura a via Toledo: vigili del fuoco sul posto (VIDEO E FOTO)

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 18 al 22 marzo (giorno per giorno)

  • Napoletano esordisce a soli 16 anni in Europa League, il papà: "Ho un messaggio per De Laurentiis"

  • Gioca 1 euro su cinque numeri: vinto un milione di euro a Volla

  • Piano per il lavoro Regione Campania, on line la tabella dei profili richiesti

  • Spaventoso incendio a Castellammare, in fiamme azienda di cosmetici

  • Ritrovata Alessia Ciccone, era in un appartamento a Nola

Torna su
NapoliToday è in caricamento