Latitante in manette: gestiva una piazza di spaccio ai Quartieri Spagnoli

Ricercato da novembre, dovrà scontare una pena di 3 anni e 9 mesi. Antonio Boccia, 39enne, si era nascosto a casa del fratello a Somma Vesuviana

Le valigie di Boccia

Antonio Boccia, 39enne ricercato perché ritenuto capo di una piazza di spaccio ai Quartieri Spagnoli, è stato stamane messo in manette dai carabinieri.

I militari lo hanno localizzato a Somma Vesuviana. Si era nascosto in un villetta con ingresso indipendente di proprietà del fratello. Nonostante il blitz sia avvenuto all'alba, il latitante era già in piedi con due valigie pronte, probabilmente sul punto di lasciare il nascondiglio per proseguire la sua latitanza altrove.

L'uomo non ha opposto alcuna resistenza ai carabinieri: “Con voi della Pastrengo non ci provo nemmeno. Lo so, mi conoscete”.

Boccia era ricercato dall’inizio di novembre, quando si era sottratto ad un provvedimento restrittivo emesso dalla magistratura. Nel novembre 2015 era stato gambizzato nei pressi di una chiesa su vico lungo San Matteo, all’interno della quale si sarebbe poi rifugiato spaventando i presenti.

Condotto nel carcere di Poggioreale, dovrà scontare circa 3 anni e 9 mesi di reclusione in seguito ad una condanna per spaccio di stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

Torna su
NapoliToday è in caricamento