Rom in fuga a tutta velocità: inseguiti e fermati dopo il terzo incidente

In manette due nomadi del campo di Secondigliano. Il folle inseguimento è avvenuto a Brindisi

Nati in Serbia, ma residenti nel campo Rom di Secondigliano, un 27enne ed un 28enne sono stati arrestati a Brindisi. Dovranno rispondere di ricettazione, possesso di segni distintivi contraffatti, resistenza a pubblico ufficiale e possesso di attrezzi atti allo scasso.

I due nomadi si sono resi protagonisti di un inseguimento dopo non essersi fermati all'alt dei carabinieri, danneggiando peraltro tre vetture nel corso della fuga.

Un tentativo di dileguarsi proseguito a piedi dopo l'impatto con l'ultima auto, ma che ha avuto vita breve. Mentre uno dei due rom è stato subito bloccato, l'altro è stato rintracciato poco dopo.

La vettura sulla quale viaggiavano apparteneva ad un pregiudicato di Napoli. All'interno nascondevano attrezzi per lo scasso (una mazza ferrata, un piede di porco, un grosso cacciavite), oltre ad una paletta segnaletica del genere in uso alle forze di polizia ed un lampeggiante a luce azzurra. Si erano inoltre disfatti di guanti e passamontagna nel corso della fuga.

Sono in corso accertamenti per capire se possano essersi resi responsabili di reati nel loro ultimo periodo trascorso in Puglia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento