Rubano i tombini nel parco giochi mettendo a rischio i bambini: arrestati

Fatti di ghisa, sarebbero stati rivenduti. I carabinieri hanno però colto in flagrante e messo in manette i due malviventi

ll furto è avvenuto a Marianella. Due uomini, con bomber nero e cappuccio calato sul viso, hanno scavalcano il muretto del Parco dell’abbondanza e si sono impossessati di 26 chiusini, i coperchi in ghisa che chiudono i tombini lungo i vialetti dell'area verde.

I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Napoli sono arrivati pochi minuti dopo, cogliendo in flagrante (erano ancora sporchi di fango e ruggine) i due malviventi: si trattava du un 21enne e un 35enne, entrambi di Piscinola. Dovranno rispondere di furto aggravato in concorso. 

Uno dei due ha peraltro tentato, senza successo, di disfarsi del giravite che aveva utilizzato per smontare i chiusini.

IL VIDEO

I 26 coperchi sono stati recuperati lungo il perimetro dell’area verde, visto che i due li avevano appoggiati all’esterno del muretto in attesa di recuperarli e poi caricarli su una vecchia station wagon, con l'obiettivo di rivenderli successivamente. Alla fine sono stati rimontati nel parco, consentendo di nuovo ai bambini di giocare in condizioni di sicurezza.

Gli arrestati saranno processati per direttissima.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Tragedia a Mergellina, 22enne si lancia dal settimo piano: muore sul colpo

  • Bimbo ingerisce soda caustica: ricoverato in gravi condizioni al Santobono

  • Orrore San Gennaro Vesuviano, la ricostruzione dalla tragedia

Torna su
NapoliToday è in caricamento