Rancori in discoteca, poi le minacce: "Se non ci paghi ti uccidiamo"

L'episodio è avvenuto a Ischia. I problemi tra due gruppi di ragazzi erano nati addirittura a Capodanno. Dopo qualche provocazione, si è passati a minacce ed estorsioni

Discoteca

I rancori andavano avanti addirittura dal veglione di Capodanno. Due gruppi di giovani, a Ischia, non stavano perdendo occasione – sabato dopo sabato e locale notturno dopo locale notturno – di provocarsi, pur non venendo mai alle mani.

Poi lo scorso fine settimana la svolta. Due ragazzi, appartenenti ad una delle fazioni, hanno avvicinato due dell'altro gruppo iniziando a minacciarli, fino a far credere loro di avere una pistola. Le intimidazioni sono proseguite su Facebook e WhatsApp. Alla fine la richiesta: soldi in cambio della pace. "Se non paghi teniamo la pistola ed i coltelli e ti uccidiamo”, avrebbero detto alle vittime.

Uno tra questi ultimi ha denunciato però l'estorsione ai carabinieri, che hanno quindi deciso di seguire la consegna dei soldi così da fermare gli estorsori. Così è andata: un ragazzo è stato fermato e tratto in arresto, mentre l’amico, non presente al momento della dazione, denunciato a piede libero.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Folla in via Toledo, da Alcott c'è Oslo de "La casa di carta"

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Sacchi: "Nella difesa del Napoli solo Di Lorenzo si muove in modo organico e sinergico"

  • Lutto nel mondo della medicina napoletana, muore improvvisamente Paolo Mercogliano

Torna su
NapoliToday è in caricamento