Anne, una francese a Napoli: "Questa città è la vita"

La transalpina Anne Carrot lavora in un'azienda aereospaziale. Traccia il bilancio di quattro anni vissuti in città: "Non sopporto chi parla male di questo posto, mi ha affascinata subito"

Napoli

Ha vissuto quattro anni a Napoli la francese Anne Carrot, dirigente di un'azienda aerospaziale. La sua testimonianza appassionata al ritorno in patria sta facendo il giro della rete: il capoluogo partenopeo per lei è un luogo da "viverci tutta la vita, assaggiandola poco a poco come si sorseggia un buon vino. Una città che ti arricchisce dentro e che mi ha dato tantissimo".

Anne dice di non sopportare più chi parla male di Napoli, città "che ti prende", e che si può amare o meno "a seconda dalla tua personalità, dal tuo carattere". "Mi ha affascinata da subito – spiega – quando sono arrivata per la sua storia e per la sua architettura. Una guida francese mi ha fatto visitare dei luoghi poco noti e mi ha consegnato così le chiavi della città".

"Certo, non lascia indifferenti – prosegue la transalpina – Ma per capirla bisogna conoscerla a fondo, con la sua filosofia di vita, con i suoi riti. Per esempio il rito del caffè, bevuto insieme. Si prende il caffè, poi ci si apre, si parla. È bella anche la vita in famiglia qui da voi".

E a proposito dei luoghi comuni, la francese sottolinea di non aver mai avuto problemi in fatto di sicurezza. "Sono stata alla Sanità, certo ci sono andata senza gioielli addosso, ma questo vale per tutte le città del mondo. Non mi è successo nulla". Il problema dei trasporti invece c'è. "È stata una scuola di vita, un'esperienza che mi è servita per capire la vostra filosofia. Tra poco arrivà, mi dicevano quelli che aspettavano con me l'autobus, senza scomporsi. Le funicolari comunque funzionano benissimo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non me ne vado – sottolinea Anne - Tornerò per lavoro un paio di volte al mese. Ecco, una cosa è straordinaria a Napoli: la luce. È un lusso, è senza uguali. Ma di questa città mi piace perfino il rumore, che è particolare, che ti accompagna durante la giornata. Questa città è la vita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento