Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Agguato piazza Nazionale, la Procura: "Il presunto killer fermato a Siena"

 

Meno di sette giorni di indagini per mettere le mani sui presunti sicari autori dell'agguato di piazza Nazionale. Per Procura di Napoli, i fratelli Armando e Antonio Del Re sono fortemente indiziati di aver pianificato ed eseguito il raid del 3 maggio scorso, che aveva per obiettivo il pregiudicato Salvatore Nurcaro, ferito gravemente, e nel quale sono rimaste colpite anche la piccola Noemi, di 4 anni, e la nonna. 

A sparare, per gli inquirenti, sarebbe stato Armando: "E' stato fermato a Siena - ha spiegato il procuratore capo Giovanni Melillo in conferenza stampa - mentre Antonio è stato scovato a Nola. Non possiamo dare dettagli sul movente perché sono in corso indagini, ma siamo in pieno contesto camorristico. La vittima designata è stata seguita a lungo e l'agguato è stato pianificato per lungo tempo. Quindi, c'è anche l'aggravante della premeditazione". Le indagini, coordinate dalla Procura di Napoli, sono state eseguite da un gruppo interforze composto da polizia e carabinieri. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento