Agguato al Rione Conocal, ipotesi guerra per la piazza di spaccio

Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti, per il ferimento di un 30enne e l'omicidio del 19enne Emanuele Errico, una faida per impossessarsi di una zona in cui i "tatuati" hanno perso il loro predominio

Emanuele Errico, con sullo sfondo il luogo dell'agguato

R. C. D. ha 30 anni e precedenti per droga. Spiegherà alle forze dell'ordine chi può essere stato, intorno alle 20 di ieri sera in via Chiaro di Luna a a Ponticelli, a ferirlo con un proiettile alla gamba e ad uccidere – con un colpo alla schiena – il 19enne Emanuele Errico lì con lui.

I due sono stati raggiunti dal commando killer in strada, con il 19enne lontano da casa nonostante stesse scontando gli arresti domiciliari per droga. Molti i colpi sparati, soltanto due a segno. Quello che ha colpito Errico gli è stato fatale. Entrambi i feriti sono stati trasportati al vicino pronto soccorso della Villa Betania, ma le condizioni del 19enne erano fin da subito apparse gravissime. Si è spento poco dopo, nonostante fosse stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico

IL VIDEO SUL LUOGO DELL'AGGUATO

Le indagini

Le indagini sono affidate ai carabinieri. Il reparto scientifico ha lavorato sul posto fino a notte inoltrata per raccogliere elementi su quanto accaduto. Non solo va ricostruita la dinamica, ma anche il movente degli assassini. Il Rione Conocal, in cui è avvenuto l'agguato, è al momento terra di conquista. I "tatuati", i De Micco, sono stati decimati dagli arresti effettuati nei mesi scorsi e hanno perso il controllo dell'area. Un "eldorado" per lo spaccio, sul quale in molti hanno puntato gli occhi e, drammaticamente, a quanto pare anche le armi.

La ricostruzione di quanto successo 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento