Poggioreale al collasso: agenti aggrediti

Quattro uomini della penitenziaria sono stati aggrediti nel corso della giornata di ieri

Ancora tensione all'interno del carcere di Poggioreale. La struttura penitenziaria è arrivata ad ospitare 2.200 detenuti, almeno 800 oltre la sua capienza. Una quota record ed insostenibile che rende impossibile la vita all'interna del carcere. Oggi arriva la notizia che quattro agenti della polizia penitenziaria sono stati aggrediti dai detenuti. A renderlo noto è il Sappe, Sindacato autonomo polizia penitenziaria, attraverso il segretario campano, Emilio Fattorello.

«Nella giornata di ieri, ben quattro assistenti della Polizia Penitenziaria sono stati costretti a ricorrere alle cure dei Sanitari in strutture ospedaliere esterne per le lesioni riportate, tre presso il Cotugno per terapie preventive per possibili contagi ed il quarto presso il Loreto Mare. Viviamo ormai una storia senza fine nel carcere più affollato d`Italia, con i suoi 2.200 detenuti che superano di circa 800 posti la soglia tollerabile a fronte di un organico di poliziotti sempre più ridotto causa dei tagli scellerati del precedente Governo.

Il tutto ricade con conseguenze drammatiche sulla pelle ed esistenza delle donne ed uomini in divisa che lavorano in condizioni precarie e che devono gestire la disperazione umana che sempre più spesso esplode in pura violenza ed incredibili tensioni. Ma dove sono le Autorità competenti e responsabili?» ha concluso Fattorello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Tweet su Coronavirus e colera, Borrelli e Simioli: "Abbiamo deciso di denunciare Feltri"

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

Torna su
NapoliToday è in caricamento