Aggredito controllore dell'Anm all'interno della stazione Vanvitelli

Insultato prima e poi colpito con un pugno al volto

Un operatore dell’Anm, addetto al controllo dei ticket, è stato aggredito il giorno 4 febbraio, verso le 14 e 30, all’interno della stazione Vanvitelli della linea 1 della metropolitana come segnalato da il Mattino. L’addetto dell'Anm era in servizio in prossimità dei tornelli quando ha cercato di fermare un giovane che tentava di eludere i controlli. A quel punto l’uomo è stato, prima, insultato e poi colpito al volto con un pugno. L’aggressore si è dato alla fuga mentre l’agente di controllo della stazione è stato curato all’ospedale Cardarelli dove ha ricevuto una prognosi di cinque giorni di guarigione.

Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli solidarizzando con la vittima commenta così l’accaduto: “È in aumento il numero di aggressioni all’interno delle stazioni nei confronti degli operatori. Sono violenze inaccettabili ed ingiustificabili verso chi compie il proprio lavoro. Non è possibile che i controllori e gli operatori dell’Anm vivano in questo clima di violenza e terrore, temendo per la propria incolumità, dovrebbero poter svolger il proprio lavoro nella sicurezza più totale. Per questo chiediamo che le stazioni ferroviarie metropolitane siano sempre controllate anche da videocamere, affinché si possa garantire maggiore ai lavoratori e tutti gli utenti”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

  • L'Amica Geniale 2, le anticipazioni sugli episodi 3 e 4

  • SKY - Mertens-Napoli, Gattuso sponsor per il rinnovo del belga

Torna su
NapoliToday è in caricamento