“Polizia, mi hanno aggredito con un bastone”: le urla del consigliere Borrelli (VIDEO)

Aggressione all'esterno del cimitero di Napoli da parte di un parcheggiatore abusivo

Ancora un'aggressione subita dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli. Protagonista un parcheggiatore abusivo all'esterno del cimitero di Napoli. Il consigliere si è recato lì in occasione del week-end di commemorazione dei defunti per documentare l'attività illegale svolta da centinaia di persone in varie zone della città

Borrelli ha cominciato a riprendere l'attività dei parcheggiatori presenti sul posto quando a un certo punto è stato aggredito in diretta Facebook. Il parcheggiatore abusivo aveva con sé anche una scopa con cui si è avvicinato minaccioso al politico. Solo le sue urla e la vicinanza di una pattuglia della polizia hanno evitato il peggio. Borrelli è riuscito a scappare avvicinandosi ai poliziotti per poi andare a cercare il parcheggiatore che, alla vista degli agenti, si è rifugiato nel cimitero. 

Le parole di Borrelli 

“Un parcheggiatore abusivo mi ha aggredito con una spranga all’esterno del cimitero Nuovissimo di Napoli. La solita storia purtroppo, quando andiamo a bloccare gli affari di questi cialtroni, vanno in escandescenza e danno piglio alla violenza. Ci eravamo recati sul posto perché tanti cittadini ci avevano segnalato la presenza, in questo giorno festivo, di parecchi guardamacchine che chiedevano 5 o 10 euro a macchina. Una vera e propria estorsione. Se pensiamo che in tutta la giornata arriveranno migliaia di vetture, questi criminali avranno introiti da capogiro. Sul posto ho filmato e fotografato la situazione, ma ad uno di loro non è andata giù la cosa e mi ha assalito”. Lo ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale ei Verdi.

“Questo energumeno ha iniziato ad intimarmi di allontanarmi, per poi passare alle minacce. Mi ha gettato il cellulare per terra e ha preso una spranga, di quelle che si usano per montare gli ombrelloni. Mi ha inseguito e colpito più volte. Per fortuna – ha aggiunto Borrelli –sono intervenuto due agenti della Polizia Municipale, ma l’uomo si dato alla fuga da vero vigliacco. Si è nascosto tra le tombe, ma grazie alla testimonianze dei presenti e alle denunce di alcuni cittadini sono riuscito a identificarlo e denunciarlo. Quel cialtrone mi ha causato contusioni alla spalla e all’anca destra con prognosi di 5 giorni. E c’è ancora chi dice che sono brave persone, che lo fanno per ‘portare il pane a casa’, per sostenere le famiglie. Sono semplicemente dei criminali che operano nella totale illegalità. Sono dei cialtroni violenti, incivili, prepotenti. E vanno assolutamente sbattuti in galera. Speriamo che, almeno stavolta, arrivi un segnale forte dal Ministero dell’Interno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella famiglia di Made in Sud: "Era da sempre nostra prima sostenitrice"

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Nutella Biscuits introvabili? A Napoli arrivano i "Nicolini"

  • "Concorsone": gli elenchi degli ammessi nella categoria C

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

Torna su
NapoliToday è in caricamento