Aggredito mentre filma un parcheggiatore, attestati di solidarietà a Borrelli

Numerosi rappresentanti delle istituzioni sono intervenuti a manifestare la loro vicinanza al Consigliere regionale vittima di un'aggressione in via Marina

Tantissimi attestati di solidarietà, da ogni parte politica e non solo in ambito istituzionale, stanno arrivando oggi a Francesco Emilio Borrelli, il consigliere regionale dei Verdi che è stato vittima di un'aggressione ieri sera in via Marina mentre documentava – come fa da tempo a questa parte – dei parcheggiatori abusivi in azione.

"Quanto è accaduto a Francesco Emilio Borrelli è intollerabile – spiega in una nota il vicesindaco di Napoli Raffaele Del Giudice – Gli esprimo, a nome dell'intera Amministrazione comunale, solidarietà e vicinanza per l’aggressione subita e l’ apprezzamento per la tenacia con la quale si batte contro l’odioso fenomeno dei parcheggiatori abusivi. L’amministrazione comunale è fortemente impegnata, seppur con i limiti di una lacunosa normativa nazionale, a debellare questo fenomeno ma quello che è successo a Borrelli deve vedere una forte e decisa risposta da Magistratura e Forze dell’Ordine che ne sono certo non tarderà ad arrivare".

Così Ermanno Russo, vicepresidente del Consiglio regionale della Campania: "Ciò che è accaduto al consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli è un atto grave. Le istituzioni vanno tutelate, chi è preposto a farlo non aspetti un minuto in più". "Borrelli – va avanti Russo – non è nuovo a questo genere di iniziative e questo può essere considerato soltanto un merito per lui stesso e per la istituzione in cui siede. Le ispezioni non si fanno soltanto con carte bollate e facendo passerella negli ospedali, questo genere di azioni sono pienamente riconducibili ai compiti di chi rappresenta il popolo nelle assemblee elettive". "Ci auguriamo – ha concluso quindi il vicepresidente del Consiglio regionale – che chi deve prendere decisioni delicate a tutela di un libero cittadino e di un rappresentante delle istituzioni ora agisca e senza remore".

"Siamo con il collega Francesco Emilio Borrelli, vittima di una vile aggressione per aver provato a denunciare l'illegalità dilagante", è invece il commento di Gennaro Saiello, capogruppo regionale del M5S Campania. "Come Movimento 5 Stelle, attraverso le nostre azioni di cittadini dentro e fuori le istituzioni, sappiamo bene, per averlo provato sulla nostra pelle – prosegue – quanto sia difficile riappropriarsi di quei frammenti di territorio che ci vengono sottratti con la forza del sopruso e della prevaricazione. Ma abbiamo consapevolezza che la forza dell'onestà, propugnata con coerenza e perseveranza, alla lunga prevarrà su fenomeni di illegalità".
"Esprimiamo tutta la nostra solidarietà a Borrelli – conclude Saiello – auspicando che siano accertate le responsabilità dei suoi aggressori e sia fatta giustizia".

Il fatto, nella serata di ieri

È stato lo stesso Borrelli a raccontare quanto gli è accaduto, postando sui social il video dell'aggressione. Le immagini, riprese con il suo smartphone, mostrano prima la situazione viabilità in zona, poi la violenza prima verbale e poi fisica nei suoi riguardi.
Il consigliere regionale era lì per documentare "la circolazione delle auto ridutta a causa dei #parcheggiatoriabusivi e dell'invasione selvaggia della strada con tavolini", con tanto di "pista ciclabile occupata da tavolini e sedie" e "auto sistemate in modo inaccettabile e limitante per la viabilità".

A quel punto "una serie di personaggi tra cui una persona che si è qualificata come il proprietario del locale, due dipendenti e il parcheggiatore abusivo con tanto di pettorina rifrangente mi hanno avvicinato prima con le buone poi con le cattive dicendomi che dovevo andare via e che l'area era loro". "Il #parcheggiatoreabusivo – prosegue il consigliere – mi ha più volte minacciato e si è segnato in modo plateale la targa del mio scooter perchè mi ha fatto capire che ha amicizie altolocate e vuole farmi fare un controllo. Poi la situazione è degenerata. Il titolare del locale assieme a due dipendenti e al #parcheggiatoreabusivo mi ha aggredito prima verbalmente poi mi ha cominciato a picchiare selvaggiamente facendomi cadere a terra".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Incidente sull'Asse Perimetrale, muore un giovane in scooter

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Un Posto al Sole non andrà in onda venerdì 13: le ragioni

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

Torna su
NapoliToday è in caricamento