Violenza sul Lungomare, baby gang aggredisce ambulante

I componenti della banda di teppisti sono tutti ragazzini tra i 12 e i 14 anni. L'aggressione è avvenuta nella notte tra martedì e mercoledì nei pressi di Castel dell'Ovo. Picchiato anche un uomo intervenuto in soccorso

Baby gang

Ancora un episodio preoccupante, per modalità ed età dei protagonisti, ha funestato la notte tra martedì e mercoledì sul lungomare di Napoli, nella zona di Castel dell'Ovo. In azione una baby-gang di ragazzini, tutti tra i 12 e i 14 anni, che ha preso di mira un venditore ambulante.

Ad assistere alla scena il cliente di un ristorante di via Partenope, che è intervenuto in soccorso del malcapitato. Erano le 23 circa quando l'uomo
ha prima redarguito i componenti della gang e poi, quando questi hanno iniziato ad aggredirlo, è stato costretto a difendersi. A farne le spese un dodicenne a bordo di una bici, che ha riportato graffi e ferite alle spalle.

Sembrava finita lì quando, dopo qualche minuto il minore, armato di bastone, è ritornato sul luogo dell'accaduto, ma stavolta non era solo. Ad accompagnarlo, infatti, come spiega Francesca Marra sul Corriere del Mezzogiorno, c'erano altri componenti della banda, tra cui probabilmente anche dei maggiorenni, chiamati a raccolta dai vicoli del Pallonetto di Santa Lucia.

I testimoni presenti sul posto, hanno raccontato di una folla inferocita che ha prima ha cominciato ad insultare l'uomo accorso in difesa dell'ambulate e poi a malmenarlo. L'uomo, spiazzato ed impaurito dalla violenza dell’aggressione, ha provato a difendersi frapponendo una sedia tra lui e i violenti, ma non è bastato. Il malcapitato ha cercato rifugio nella toilette del ristorante che lo ospitava, ed è rimasto lì, chiuso fino all'arrivo dei Carabinieri e dei Vigili Urbani. Sul posto è accorsa anche un'ambulanza, che ha poi trasportato il dodicenne presso l'ospedale Santobono, dove è stato medicato e giudicato guaribile in pochi giorni.

Sull'accaduto indagano i Carabinieri del reparto mobile di Chiaia che hanno accertato l'identità del minorenne. Si tratta del rampollo di uno dei clan reggenti del Pallonetto e, secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, non sarebbe la prima volta che dal quartiere le babygang invadono il lungomare per commettere atti vandalici ai danni di passanti, turisti ed ambulanti.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Coronavirus, un malore dopo la maratona: test per due lombardi. Negativo uno stabiese

Torna su
NapoliToday è in caricamento