"Non voglio andare al Loreto Mare, portatemi al Cardarelli": paziente prende a testate l'autista del 118

Arenella: un paziente ha ricevuto soccorso per un bruciore di stomaco persistente. Dopo aver chiesto il ricovero in ospedale ha dato in escandescenze rifiutando la destinazione Loreto Mare

Una nuova aggressione ai danni di personale sanitario operante a bordo delle ambulanze è avvenuta ieri sera. L'episodio è narrato da Nessuno Tocchi Ippocrate, associazione in difesa di medici e infermieri, spesso vittime di aggressioni. E' la postazione 118 di Bagnoli, diretta interessata, a raccontare: "Ieri sera siamo stati allertati alle ore 19:40 circa per un codice verde: bruciore allo stomaco da due giorni in Via San Giacomo dei Capri. Il paziente, in precedenza, era già andato in pronto soccorso. Ci siamo recati sul posto e il paziente voleva un'iniezione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arrivano le telecamere sulle ambulanze

"Spiegandogli che non possiamo somministrare farmaci, ci dice di voler andare in ospedale e la centrale ci da come destinazione Loreto Mare. Il paziente allora comincia a dare in escandescenze dando calci e pugni contro il portellone dell'ambulanza, scende, afferra l'autista gli rifila una testata e lo minaccia, chiedendo di andare al Cardarelli. Sale nel vano sanitario, si rifiuta di stendersi o sedersi continua a minacciarci. Giunti in pronto soccorso continua ad offendere tutti perché era già stato due giorni prima e non era contento del trattamento ricevuto e del tempo di attesa”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

Torna su
NapoliToday è in caricamento