Accoltellato dalla baby gang, Arturo riconosce anche l'ultimo aggressore: il più giovane ha 12 anni

Tre dei quattro aggressori erano armati di coltello e avevano l'intenzione di uccidere, secondo il Gip

Arturo, il 17enne napoletano ferito a coltellate il 18 dicembre in via Foria, ha riconosciuto anche il suo ultimo aggressore, nel corso di un incidente probatorio che si è tenuto davanti al gip del Tribunale dei Minori.

Il giovane ha riconosciuto dunque tutti i suoi aggressori, il più giovane dei quali ha 12 anni e non è imputabile. Gli altri, di età compresa tra i 15 e i 17 anni sono in carcere con l'accusa di tentato omicidio.

Tre dei quattro aggressori erano armati di coltello e avevano l'intenzione di uccidere, secondo il Gip. Arturo fu colpito da fendenti al polmone ed uno rischiò di recidergli la carotide.

Inizialmente il movente era tentata rapina, tramutato poi in tentato omicidio per futili motivi.

Potrebbe interessarti

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Pelle secca: quali sono i rimedi più efficaci

  • Rosmarino: cosa sapere di questa pianta

  • I 10 alimenti che non dovresti mai mettere in frigo e perché

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Tragedia a Mergellina, 22enne si lancia dal settimo piano: muore sul colpo

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

  • Bimbo ingerisce soda caustica: ricoverato in gravi condizioni al Santobono

Torna su
NapoliToday è in caricamento