Accoltellato dalla baby gang, Arturo riconosce anche l'ultimo aggressore: il più giovane ha 12 anni

Tre dei quattro aggressori erano armati di coltello e avevano l'intenzione di uccidere, secondo il Gip

Arturo, il 17enne napoletano ferito a coltellate il 18 dicembre in via Foria, ha riconosciuto anche il suo ultimo aggressore, nel corso di un incidente probatorio che si è tenuto davanti al gip del Tribunale dei Minori.

Il giovane ha riconosciuto dunque tutti i suoi aggressori, il più giovane dei quali ha 12 anni e non è imputabile. Gli altri, di età compresa tra i 15 e i 17 anni sono in carcere con l'accusa di tentato omicidio.

Tre dei quattro aggressori erano armati di coltello e avevano l'intenzione di uccidere, secondo il Gip. Arturo fu colpito da fendenti al polmone ed uno rischiò di recidergli la carotide.

Inizialmente il movente era tentata rapina, tramutato poi in tentato omicidio per futili motivi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Lutto nel mondo della medicina napoletana, muore improvvisamente Paolo Mercogliano

  • Sacchi: "Nella difesa del Napoli solo Di Lorenzo si muove in modo organico e sinergico"

Torna su
NapoliToday è in caricamento