Il fidanzato la abbandona sull'asse mediano, due uomini la violentano

Sull'asse viario che conduce a Castel Volturno la 23enne di Acerra litiga con il fidanzato. Da sola in strada, viene adescata e violentata. Le sue dichiarazioni sono al vaglio degli investigatori

Una ragazza di Acerra di 23 anni sarebbe stata violentata da due uomini, stranieri, nei pressi del ponte dell'asse mediano Nola-Villa Literno. Secondo quanto riportato da Cronache di Napoli, la giovane era in auto con il fidanzato, diretta verso il litorale domitio per trascorrere una serata in compagnia. Un litigio, mentre i due erano in viaggio, avrebbe indotto l'uomo a lasciarla sull'Asse Mediano, per vendetta.

A quel punto la 23enne avrebbe cominciato a vagare lungo la strada che conduce a Castel Volturno e nei pressi del ponte sarebbe stata intercettata da due uomini che l'avrebbero portata con loro per poi abusare sessualmente di lei. I dettagli sono ignoti. La donna è riuscita a scappare ed è stata trasportata all'ospedale di Caserta dove sta svolgendo accertamenti. La testimonianza della 23enne acerrana è al vaglio degli investigatori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nuova forte scossa di terremoto percepita a Napoli: l'epicentro in Molise

  • Cronaca

    Tragedia di Genova, i familiari dei ragazzi di Torre rifiutano i funerali di Stato

  • Cronaca

    Napoletani scomparsi in Messico, l'avvocato: "La verità è vicina"

  • Attualità

    SuperEnalotto, vinti 138mila euro in provincia di Napoli

I più letti della settimana

  • Forte scossa di terremoto: percepita a Napoli e provincia

  • Lieve scossa di terremoto sul Vesuvio: la rilevazione dell'Ingv

  • Calciomercato Napoli 2018-2019: trattative, acquisti e cessioni

  • Ilenia Lazzarin di Un Posto al Sole irriconoscibile su Instagram

  • Vasto, degrado senza fine: si masturba a centro strada in pieno giorno

  • L'Oroscopo di Franko Angelone: settimana dal 13 al 19 agosto

Torna su
NapoliToday è in caricamento